MotoGP Jerez, Rossi: dovevamo provarci ma abbiamo sbagliato.

“Ora è facile dire che abbiamo fatto un errore, che con il vecchio setup potevamo fare un po’ meglio ma non ci bastava, dovevamo provarci - spiega il Dottore - Logicamente ci aspettavamo di più su questa pista dopo i risultati degli scorsi anni, ma è andata diversamente”.

Il fine settimana era iniziato male e i problemi sono rimasti sostanzialmente gli stessi.

Perdevo tanto in accelerazione, la gomma slittava e abbiamo provato a modificare il bilanciamento della moto per cercare di limitare il consumo dello pneumatico - continua - Non solo non abbiamo risolto niente, ma ho perso anche fiducia nell’anteriore. Poi a 6 o 7 giri dalla fine sono iniziate grandi vibrazioni al posteriore, come se la gomma si fosse surriscaldata, in rettilineo sembrava che la moto si stesse smontando. Sono stato fortunato ad arrivare alla fine”.

Solo qualche settimana fa le gomme Michelin e la Yamaha M1 sembravano una coppia perfetta, ora è cambiato tutto.

“In questo settimana ho sempre lottato con le gomme - ammette - Non posso neanche parlare di degradazione perché patinavano anche le morbide appena montate. Non ho mai avuto buone sensazioni, un po’ di spin su questa pista c’è sempre ma questa volta di più”.

Già ieri Valentino aveva spiegato come le gomme siano l’ago della bilancia del campionato.

Qui le cose cambiano da un giorno all’altro - ironizza - Anche Maverick ha faticato, anzi dopo il suo bel warm up quello che gli è successo è impressionante, i 20° in più sull’asfalto hanno fatto una grande differenza”.

L’unica buona notizia è che è ancora in testa al campionato.

È positivo dopo una gara del genere - riflette - Anche Vinales ha faticato, il vero recupero le hanno fatto le Honda e questo è preoccupante. Pedrosa è in forma e non va veloce solo qui, l’ho sempre messo fra i candidati per il titolo. Anche Lorenzo ha guidato benissimo, lui è uno dei piloti più forti ed è stato davanti su una pista difficile per la Ducati. Questo ci insegna come sia difficile azzeccare i pronostici” sorride.

Se dobbiamo trovare un’altra buona notizia è che domani ci saranno i test.

Almeno dopo una gara come questa uno ha voglia di farli. Domani dovremo di capire cosa è successo, ma non torneremo alla 2016 anche se qui ha funzionato meglio perché sono già tutte al museo - scherza Valentino - Ha senso che la vecchia M1 sia andata forte perché l’anno scorso sia io che Lorenzo eravamo stati molto veloci”.

Fonte: http://gpone.com

RACE:

1. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 45m 26.827s
2. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 45m 32.963s
3. Jorge Lorenzo ESP Ducati Team (Desmosedici GP17) 45m 41.594s
4. Johann Zarco FRA Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1)* 45m 44.428s
5. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP17) 45m 49.740s
6. Maverick Viñales ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 45m 51.383s
7. Danilo Petrucci ITA Octo Pramac Racing (Desmosedici GP17) 45m 51.786s
8. Jonas Folger GER Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1)* 45m 54.548s
9. Aleix Espargaro ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 45m 58.060s
10. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 46m 5.509s
11. Scott Redding GBR Octo Pramac Racing (Desmosedici GP16) 46m 7.806s
12. Hector Barbera ESP Reale Avintia Racing (Desmosedici GP16) 46m 10.026s
13. Loris Baz FRA Reale Avintia Racing (Desmosedici GP15) 46m 10.038s
14. Bradley Smith GBR Red Bull KTM Factory Racing (RC16) 46m 14.791s
15. Karel Abraham CZE Pull&Bear Aspar Team (Desmosedici GP15) 46m 18.106s
16. Sam Lowes GBR Factory Aprilia Gresini (RS-GP)* 46m 35.712s
17. Takuya Tsuda JPN Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 46m 54.277s
Andrea Iannone ITA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) DNF
Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) DNF
Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) DNF
Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) DNF
Alvaro Bautista ESP Pull&Bear Aspar Team (Desmosedici GP16) DNF
Pol Espargaro ESP Red Bull KTM Factory Racing (RC16) DNF

Riders' World Championship:

1. = Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 62 points
2. = Maverick Viñales SPA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 60 points (-2) 
3. = Marc Marquez SPA Repsol Honda Team (RC213V) 58 points (-4) 
4. ^2 Dani Pedrosa SPA Repsol Honda Team (RC213V) 52 points (-10) 
5. ˅1 Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP17) 41 points (-21) 
6. ^1 Johann Zarco FRA Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1)* 35 points (-27) 

7. ˅2 Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 29 points (-33) 
8. = Jonas Folger GER Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1)* 29 points (-33) 
9. ^4 Jorge Lorenzo SPA Ducati Team (Desmosedici GP17) 28 points (-34) 
10. ^1 Danilo Petrucci ITA Octo Pramac Racing (Desmosedici GP17) 26 points (-36) 
11. ˅2 Scott Redding GBR Octo Pramac Racing (Desmosedici GP16) 26 points (-36) 
12. ˅2 Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 21 points (-41) 
13. ^1 Aleix Espargaro SPA Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 17 points (-45) 
14. ˅2 Alvaro Bautista SPA Pull&Bear Aspar Team (Desmosedici GP16) 14 points (-48) 
15. ^1 Loris Baz FRA Reale Avintia Racing (Desmosedici GP15) 12 points (-50) 
16. ^3 Hector Barbera SPA Reale Avintia Racing (Desmosedici GP16) 12 points (-50) 
17. ˅2 Andrea Iannone ITA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 9 points (-53) 
18. ˅1 Karel Abraham CZE Pull&Bear Aspar Team (Desmosedici GP15) 9 points (-53) 
19. ˅1 Tito Rabat SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 8 points (-54) 
20. = Alex Rins SPA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR)* 7 points (-55) 
21. ^1 Bradley Smith GBR Red Bull KTM Factory Racing (RC16) 3 points (-59) 
22. ˅1 Pol Espargaro SPA Red Bull KTM Factory Racing (RC16) 2 points (-60) 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.