MotoGP Aragon: Rossi: questa volta Lorenzo ha fatto le mosse giuste.

Il sogno, già lontano, è praticamente svanito ad Aragon e l’amarezza non si può cancellare. Anche perché pure la piccola soddisfazione di battere il compagno di squadra. Valentino, finita la gara, incomincia così a parlare del futuro e, con lucidità, e mette sul piatto speranze e dubbi.

Incominciamo dal campionato, ora i punti da Marquez sono 52…
“Non l’ho perso oggi, ma dopo la prima parte di stagione, con quelle tre battute a vuoto. Ero riuscito a recuperare un po’ di punti, ma se era difficile pensare al Mondiale con 43 di svantaggio ora lo è ancora di più. Questo non significa che mi arrenderò prima di venire escluso dalla matematica”.

Rimane comunque il secondo posto, quanto è importante?
“Essendo l’unica cosa a cui posso puntare, la farò valere molto (ride). A parte gli scherzi, sarà una bella lotta contro Lorenzo, c’è in ballo l’onore”.

Oggi hai perso la sfida con lui…
“Avevamo lavorato sulla moto per potere essere più veloci nella seconda parte di gara, ma non ha funzionato. Lorenzo guida molto bene su questa pista e nel finale era più veloce di me, questa volta ha azzeccato lui le mosse giuste”.

La lotta era aperta fino a pochi giri dalla fine…
“Sono deluso per quell’errore in frenata, mi ero attaccato a lui con i denti e avevo qualche carta da giocarmi nell’ultimo giro. Alla curva 11, però ho sbagliato e mi sono accorto che, se non fossi andato largo, rischiavamo di toccarci. In verità ero più preoccupato di quello che sarebbe successo dopo che del contatto (ride). Scherzi a parte, sarebbe stato pericoloso”.

Avevi anche comandato la gara nelle battute iniziali, hai pensato di potere vincere?
“Quando sei lì ci credi sempre. In partenza ho avuto uno scatto da centometrista e mi sono molto divertito nella bagarre. inoltre vedevo Lorenzo e Marquez un po’ in difficoltà, ho anche sperato che Marc avesse qualche problema con la gomma anteriore (ride)”.

Il podio ti soddisfa comunque?
“Sono punti importanti, ma sono un po’ preoccupato per il futuro. La M1 era la moto migliore a inizio stagione ma è da Barcellona che non riusciamo a vincere una gara. Nel frattempo la Honda è cresciuta e con lei sono riusciti a vincere molti problemi diversi. Dobbiamo fare un passo avanti”.

Come si fa?
“Forse non si può, ma si può riuscire a costruire una buona base per l’anno prossimo. Molto dipende anche dalle varie piste”.

Ne rimangono quattro…
“Le prossime tre mi piacciono molto e di solito la Yamaha va forte lì. Sarà importante non fare errori e cercare di vincere”.

Fonte: http://www.gpone.com

 

RACE:

1. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 41m 57.678s
2. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 42m 0.418s
3. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 42m 3.661s
4. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 42m 5.916s
5. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 42m 10.899s
6. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 42m 14.750s
7. Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 42m 16.200s
8. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 42m 17.110s
9. Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 42m 20.749s
10. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 42m 25.576s
11. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 42m 30.126s
12. Michele Pirro ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 42m 32.711s
13. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 42m 33.902s
14. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 42m 35.299s
15. Nicky Hayden USA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 42m 38.187s
16. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 42m 41.584s
17. Danilo Petrucci ITA Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 42m 54.418s
18. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 42m 57.359s
19. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 43m 31.804s
Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* DNF

Riders' World Championship:

1. Marc Marquez SPA Repsol Honda Team (RC213V) 248 points
2. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 196 points (-52) 
3. Jorge Lorenzo SPA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 182 points (-66) 
4. Dani Pedrosa SPA Repsol Honda Team (RC213V) 155 points (-93) 
5. Maverick Viñales SPA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 149 points (-99) 
6. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 105 points (-143) 
7. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 104 points (-144) 
8. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 96 points (-152) 
9. Pol Espargaro SPA Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 96 points (-152) 
10. Hector Barbera SPA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 84 points (-164) 
11. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 71 points (-177) 
12. Aleix Espargaro SPA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 69 points (-179) 
13. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 55 points (-193) 
14. Alvaro Bautista SPA Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 54 points (-194) 
15. Danilo Petrucci ITA Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 50 points (-198) 
16. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 49 points (-199) 
17. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 42 points (-206) 
18. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 42 points (-206) 
19. Michele Pirro ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 36 points (-212) 
20. Tito Rabat SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 27 points (-221) 
21. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 24 points (-224) 
22. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 13 points (-235) 
23. Alex Lowes GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 3 points (-245) 
24. Nicky Hayden USA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 1 points (-247) 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.