Valentino Rossi: ricomincio da outsider.

 “Sarà una stagione importante”. Valentino Rossi a Losail pochi minuti prima di entrare in pista per le prime volta della stagione non si nasconde. Chiusi i test invernali, “con alti e bassi”, il gioco incomincia a farsi duro e vuole essere all’altezza. “Le gare sono completamente diverse - sottolinea il Dottore - bisogna lavorare per essere più veloci degli altri 20 piloti che sono in pista, è completamente diverso dai test, ma siamo pronti”. Per partire, con i piedi saldamente a terra. “Yamaha e Honda sono ancora troppo forti ed entrambi i loro piloti ufficiali sono in forma – spiega – noi incominciamo da outsider, ma dovremo impegnarci nelle prime gara per rimanere alle loro spalle”.

    La strada giusta sembra essere stata imboccata a Jerez, dopo qualche svolta sbagliata. “Ma è normale – afferma Rossi – quando la moto è completamente nuova, con un telaio del tutto differente. Non bisogna solo perderla”. Significa non ripetere gli errori dello scorso anno: “l’obiettivo è migliorare costantemente, gara dopo gara, cosa che non ci è riuscita nella scorsa stagione – continua – Per le prime tre gare cercheremo di utilizzare al meglio questo materiale, poi dopo il GP Estoril proveremo qualcosa di nuovo”. Due i punti su cui concentrarsi: “il sottosterzo e l’erogazione della potenza che è ancora troppo brusca – ammette – Il secondo sarà difficile da sistemare, con l’elettronica non si può risolvere tutto e per il limite di motori da punzonare dovremo aspettare la prossima punzonatura per provare qualcosa di diverso nel propulsore”.

    La prima prova del fuoco sarà questo lungo fine settimana. “Gara dopo gara scopriremo qual è il nostro livello, può darsi che in alcuni tracciati saremo più vicini – analizza Valentino – Al momento il nostro distacco dai migliori, Stoner e Lorenzo ma anche Pedrosa, è vicino al secondo, per puntare al podio dobbiamo riuscire almeno a dimezzarlo”. Un’impresa ardua, ma non impossibile. “Hanno fatto un grande lavoro i ragazzi della Ducati, dobbiamo ancora migliorare ma non mi aspetto un miracolo” il pensiero del campionissimo va alla vittoria delle Ferrari a Sepang “per fare quel risultato bisognerebbe che io corressi sull’asciutto e gli altri sul bagnato” scherza.
 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.