Rossi: voglio migliorare gara dopo gara.

I due fidanzati, come li ha ironicamente definiti Filippo Preziosi, non avevano occhi che per lei, la nuova Ducati GP12 e per tutta la durata della presentazione non sono riusciti a distogliere lo sguardo dalle sue forme. “E’ bella” sorride Valentino Rossi, a fianco di Nicky Hayden, anche lui rapito dalla nuova colorazione, con il bianco a interrompere il tradizionale rosso e le strisce verdi sul cupolino che richiamano il tricolore italiano. Valerio Staffelli, nelle vesti di presentatore, chiede al Dottore cosa si provi a guidarla: “è un’emozione particolare, tanto più se sei italiano. E’ una moto che sa farsi rispettare” gli risponde.

    La Ducati è ormai a tutti gli effetti ambasciatrice dell’Italia nel mondo, ancora di più da quando in sella c’è il campione di Tavullia, e le attese per la nuova stagione, dopo le difficoltà della scorsa, sono alte. Valentino Rossi non si nasconde mentre risponde ad alcune domande proposte dai suoi tifosi su Facebook: “il primo test in Malesia era andato molto bene, avevo subito trovato una buona confidenza ed ero contento. Eravamo riusciti a fare un grande lavoro anche se rimaneva qualche problema al posteriore, in uscita di curva”. L’obiettivo era di risolverli nella seconda trasferta a Sepang, a fine febbraio, “ma non ci siamo riusciti e quindi è andata un pochino peggio rispetto alla prima volta”.

    Valentino è comunque ottimista, anche se consapevole che ancora molto lavoro lo aspetta: “abbiamo ancora molte cose da provare e altre ne arriveranno nel corso della stagione – spiega – Il nostro obiettivo è quello di riuscire a migliorare costantemente, gara dopo gara, è ciò che lo scorso hanno non abbiamo fatto. Comunque la nuova moto velocizza i tempo necessari per le regolazioni e le modifiche e questo è importante con turni di soli 45 minuti durante le prove”.

    "L'obiettivo di questa stagione è essere davanti e lottare per le posizioni che contano, ma sarà importante soprattutto migliorare - ha proseguito - L'anno scorso ci abbiamo provato ma abbiamo fatto fatica, in questa stagione speriamo di fare passi avanti e ed essere competitivi il prima possibile". Rossi, di ritorno dalle vacanze, si sente "molto in forma" e pieno di motivazioni: "Correre con la Ducati ha sempre un sapore particolare, soprattutto se sei un pilota italiano. A livello di guida è una moto molto simile alle altre, si fa rispettare molto e ti mette sempre sull'attenti".
 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.