Rossi: forse rimango in Ducati.

  Il sole risplende nel cielo della California e qualche raggio colpisce la carena della Desmosedici numero 46. “Sono addirittura 7°, non sono abituato a queste posizioni il venerdì mattina” scherza Valentino Rossi dopo il primo turno di libere a Laguna Seca. Il Dottore è soddisfatto dei primi passi, anche se sa che la strada è ancora lunga. Se la posizione è migliore del solito, il ritardo dal primo, 1”792, è comunque importante. “C’è un grande salto dai tempi dei primi quattro e il secondo gruppo, dove siamo. Il distacco è un po’ troppo elevato”.

    Come sono le prime impressioni?

    “Direi abbastanza buone, ho iniziato bene ma adesso l’importante è migliorare costantemente, turno dopo turno. Ci sono ancora punti in cui perdiamo troppo ma comunque è una buona partenza”.

    I programmi per il pomeriggio?

    “Girare in 1’22, è un tempo alla mia portata, il mio ideal time è già tre o quattro decimi più basso del mio miglior giro. Bisogna sistemare un po’ di cose, affinare i settaggi dell’elettronica, diminuire l’impennamento”.

    Sei anche davanti ad Hayden, sulla sua pista preferita.

    “Non è male, ma nel secondo gruppo siamo tutti molto vicini”.

    Sei contento che abbia rinnovato con Ducati?

    “Anche Crutchlow mi è molto simpatico, ma logicamente con Nicky ho un rapporto che dura da più tempo. Secondo me hanno fatto bene a riconfermarlo, è un pilota che va forte e se la moto migliorerà potrà essere stabilmente nelle posizioni di testa”.

    Preferiresti lui o Lorenzo come compagno di squadra per il prossimo anno?

    “Vado d’accordo con entrambi (ride) Dipende da che moto guiderò”.

    Non ci vuoi dire proprio niente sul tuo futuro?

    “Vi assicuro che il prossimo anno continuerò a correre in moto”.

    Ma quali sono le percentuali al momento fra Ducati e Yamaha?

“Quella di rimanere è abbastanza buona”.
 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.