Rossi & Dovi, sperando sotto la pioggia.

  L'alba di un nuovo giorno è stata baciata da un sole freddo, coperto da nubi cariche di una pioggia che ha parzialmente oscurato il circuito di Valencia e, con esso, il tanto atteso ritorno di Valentino Rossi in Yamaha. Nonostante le condizioni tutt'altro che ideali, il 'Dottore' è salito in sella dopo pochi minuti dall'apertura della pista e sembrava non volesse più scendere dalla 'vecchia amata' M1 (ha usato solo questa versione) prima che questa venisse rimessa nei box e partisse direzione Aragon, dove il team ufficiale della Casa di Iwata spera di trovare migliori condizioni per provare domani.

    Rossi ha percorso un totale di 28 giri prima della pausa pranzo, facendo registrare un 1'43.736 come miglior passaggio. Impossibilitato a commentare per obblighi contrattuali, Valentino ha comunque confessato a voce abbastanza alta la propria soddisfazione riguardo all'anteriore, soprattutto in fase di frenata, additando qualche problema di trazione. Il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo si è invece limitato ad osservare da lontano il ritorno del biondo di Tavullia, senza percorrere un solo giro e mangiando comodamente una mela che, come qualcuno ha fatto notare su Twitter, potrebbe essere intesa come segno della sua volontà di togliere (nuovamente) il 'Dottore' di torno.

    La classifica dei tempi vede Bautista in testa ma è poco influente. Lo spagnolo, che domani dovrebbe provare il telaio factory, è stato l'unico a girare in condizioni di asciutto insieme a Bradl (2º), Dovizioso (3º) e Aoyama (4º con doppia caduta sul finale), e lo stesso Rossi. Sul bagnato il più veloce è stato Hayden, autore di 1'42.571. Per l'americano non c'erano particolari novità da provare, solo alcune regolazioni di elettronica e sospensioni, oltre al comportamento sul bagnato del telaio scartato da Rossi dopo i test di Misano.

    Giornata più intensa per Andrea Dovizioso, all'esordio sulla GP12 e autore di ben 41 giri. Più che il terzo tempo del forlivese, non particolarmente indicativo poiché realizzato prima della pioggia, lasciano ben sperare le sue dichiarazioni, che lo vogliono già più veloce sul bagnato che con la Yamaha del team Tech3 nel fine settimana.
 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.