Rossi: a Brno saprete il mio futuro.

“E’ un tracciato veloce, lunga e tecnica. In una parola, difficile. A fine gara ero stato 6° (a più di un minuto dal vincitore Stoner ndr), un gran risultato per come eravamo messi. È stata l’unica occasione dove non siamo riusciti a essere competitivi sul bagnato. Un’esperienza traumatica” ricorda.

    Qual era stato il problema maggiore?

    “Non riuscivamo a mandare in temperatura la gomma anteriore. Avevamo 30, 40 gradi in meno degli altri. Addirittura lo pneumatico perdeva pressione mentre giravo. Speriamo che la nuova gomma ci aiuti in questo senso”.

    Ci sono altri punti su cui sarà importante migliorare?

    “Devo imparare meglio il tracciato, l’anno scorso ero in difficoltà a essere veloce in qualche tratto. Questa è la terza volta che veniamo in questa pista, ma io ho saltato il primo anno. Devo riuscire a fare esperienza, girarci un po’ di più. Senza dubbio è un circuito affascinante”.

    Rispetto alla scorsa stagione il punto di partenza è migliore?

    “Conosciamo di più la moto e abbiamo dimostrato di essere più costanti nelle prime gare, senza alti e bassi. E’ importante. Devo solo concentrarmi per guidare al meglio”.

    Quale risultato ti attendi?

    “Diciamo che, sull’asciutto, da Estoril abbiamo raggiunto un certo livello che abbiamo confermato a Barcellona. Questo fine settimana sarà più difficile, ma sarebbe importante rimanere lì, anche in previsione del futuro, delle prossime stagioni quando ritorneremo”.

    Passiamo al mercato, come influisce il rinnovo di Lorenzo sul tuo futuro?

    “Credo niente, non farà una grande differenza”.

    Ma adesso è possibile un tuo ritorno in Yamaha, al suo fianco?

    “Non ne ho idea, per ora penso solo a essere competitivo con la Ducati. Il primo obiettivo è rimanere in questa squadra anche nei prossimi anni”.

    Quando deciderai definitivamente?

    “In estate, sicuramente dopo Laguna Seca, penso che intorno alla gara di Brno saprete tutto”.
 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.