MotoGP Qatar: Rossi: per Ducati servono le palle, Jorge resta.

La possibilità è che Lorenzo e Rossi possano condividere lo stesso box per fino al 2018, la certezza è che già quest’anno sarà molto lungo per la coppia Yamaha. I due non si sopportano e non stanno facendo niente per nasconderlo. Il primo casus belli nelle FP4, quando Jorge è uscito dai box e ha ostacolato Valentino. Lo spagnolo ha detto che non c’era niente di cui lamentarsi.

“In verità è uscito dai box senza neppure guardare - spiega il Dottore - Mi sarei accontentato di un gesto di scusa, invece mi ha guardato come per dire: che cosa vuoi? Allora gliel’ho rispiegato”.

Ma non è finita qui.

“Perché c’è un precedente - ricorda - a Misano, lo scorso anno. Successe la stessa cosa a parti opposte, lui fece il matto, si infuriò e la Direzione Gara mi diede un punto di penalità sulla licenza. Non credo che sia una manovra da sanzionare, però con me lo fecero e con lui no. E dire che sarebbe bastato chiedermi scusa”.

Altro punto: il rinnovo del contratto. Per Lorenzo, Rossi ha firmato subito perché non aveva altre opzioni.

Valentino si fa una risata, “non voglio neppure commentare”. Però la convivenza potrebbe continuare, e allora aggiunge: “a me non cambia niente se rimane o se ne va. Sono abituato, ognuno lavora per sé”.

Però non rinuncia a un’ultima stoccata quando gli si chiede se pensa che Lorenzo se ne andrà.

“Stiamo parlando di Ducati, mi pare di capire, e bisogna essere molto coraggiosi. Per cambiare moto ci vogliono le palle, per questo alla fine lui resterà”, l’attacco finale.

Il clima si rasserena quando parla del suo futuro.

“Sono sempre stato abbastanza deciso sul continuare  ma volevo aspettare - racconta - Poi Yamaha mi ha detto che era pronta, che era contenta se fossi rimasto. Ero contento anch’io e quindi perché no? So che sarà un grande impegno continuare per altri due anni per la mia età, ma sono pronto a dare il massimo. In fondo, nelle ultime stagioni mi sono divertito”.

Dopo tanti argomenti, la gara sembra passare in secondo piano.

“E’ vero, domani si corre! - scherza Valentino - Le qualifiche non sono andate male, il 5° posto era l’obiettivo minimo e l’ho raggiunto. Anzi, senza un errore nell’ultimo settore sarei potuto partire più avanti. Chi vedo favorito? Analizzando il passo delle FP4 Marquez, forse è l’unico che può scappare. Poi ci siamo Lorenzo, io Vinales e le Ducati. Un bel gruppo, ma il mio passo è buono”.

Fonte: http://www.gpone.com

FP4:

1. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 55.301s [Lap 11/11] 333km/h (Top Speed)

2. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 55.466s +0.165s [13/13] 333km/h

3. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP16) 1m 55.656s +0.355s [8/10] 344km/h

4. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 55.703s +0.402s [12/13] 334km/h

5. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP16) 1m 55.853s +0.552s [4/12] 348km/h

6. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 1m 55.904s +0.603s [13/13] 334km/h

7. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 56.036s +0.735s [13/14] 334km/h

8. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 56.037s +0.736s [6/13] 334km/h

9. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 1m 56.108s +0.807s [4/7] 338km/h

10. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 56.123s +0.822s [13/13] 334km/h

11. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 56.442s +1.141s [10/13] 334km/h

12. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 56.467s +1.166s [8/9] 339km/h

13. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 56.540s +1.239s [10/10] 336km/h

14. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 56.541s +1.240s [8/8] 330km/h

15. Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 56.547s +1.246s [10/11] 330km/h

16. Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 56.873s +1.572s [11/11] 331km/h

17. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 57.155s +1.854s [8/9] 326km/h

18. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 57.203s +1.902s [12/12] 337km/h

19. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 1m 57.538s +2.237s [10/11] 330km/h

20. Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 1m 57.757s +2.456s [10/13] 330km/h

РQP:

Q2:

1. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 54.543s [Lap 2/6] 333km/h (Top Speed)

2. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 54.634s +0.091s [4/7] 330km/h

3. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 54.638s +0.095s [7/7] 334km/h

4. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP16) 1m 54.693s +0.150s [7/7] 350km/h

5. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 54.815s +0.272s [7/7] 334km/h

6. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP16) 1m 54.963s +0.420s [6/7] 344km/h

7. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 55.078s +0.535s [3/7] 335km/h

8. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 55.165s +0.622s [4/7] 338km/h

9. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 55.302s +0.759s [7/7] 338km/h

10. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 1m 55.352s +0.809s [3/7] 334km/h

11. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 55.414s +0.871s [5/7] 333km/h

12. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 1m 55.508s +0.965s [7/7] 337km/h

Q1:

13. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 56.157s 332km/h

14. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 56.186s 336km/h

15. Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 56.238s 326km/h

16. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 56.375s 328km/h

17. Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 56.595s 328km/h

18. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 1m 56.620s 331km/h

19. Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 1m 57.108s 332km/h

20. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 57.216s 325km/h

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.