MotoGP Qatar, Rossi: "Mi hanno battuto, ma sono vispo".

“Sono stato battuto, ma sono vispo”. Valentino Rossi prende con filosofia la sconfitta in Qatar, anche se il 4° posto non riesce a digerirlo del tutto. Il podio è stato vicino, ma mai realmente alla sua portata e questo lo ammette candidamente.

“Sono rimasto aggrappato ai primi ma senza la possibilità di attaccarli. Non ero abbastanza competitivo per attaccarli”.

Se vediamo il bicchiere mezzo pieno?

“Lorenzo non è lontano e sono riuscito a tenere un buon passo nonostante la gara sia stata più veloce rispetto a quella dell’anno scorso. Mi spiace solo per non essere salito sul podio, ma meglio essere 4° a due secondi dal primo che 3° a 10”.

Cosa ti è mancato?

“Il guizzo, intendo quella frenata, o quella parte della pista in cui sei più veloce di tutti. Sono rimasto vicino a Marquez e Dovizioso per vedere cosa sarebbe successo, ma non avevo possibilità di attaccarli”.

Perché?

“Bisogna capirlo, forse ho scelto la gomma sbagliata: sia Lorenzo che Dovizioso hanno montato la più morbida al posteriore. Magari poi non sarebbe cambiato niente, sarebbe bello potere fare subito un’altra gara per scoprirlo (ride). Se fosse così, sarebbe una buona notizia. Ci sarebbe meno d affare”.

Quali sono le sensazioni rispetto a un anno fa?

“Avendo vinto, logicamente ero più contento (ride). Però era stato come tirare fuori un coniglio dal cappello, questa gara è stata più solida”.

Ti ha stupito qualche avversario?

“Quelli che dovevano stare davanti lo erano, è mancato solo Vinales. Pensavo che le Ducati calassero nella seconda metà di gara, ma Dovizioso ha guidato veramente bene. Marquez ha faticato un po’ di più”.

Il prossimo GP è in Argentina, cosa ti aspetti?

“Lo scorso anno avevo fatto una gara incredibile, ma ora sono cambiate le gomme. Penso che lì capirò meglio il mio potenziale”.

RAC:

1. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 42m 28.452s

2. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP16) 42m 30.471s

3. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 42m 30.739s

4. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 42m 30.839s

5. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 42m 42.535s

6. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 42m 43.875s

7. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 42m 47.081s

8. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 42m 47.104s

9. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 42m 49.612s

10. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 42m 52.887s

11. Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 43m 4.299s

12. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 43m 10.208s

13. Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 43m 10.384s

14. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 43m 10.434s

15. Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 43m 23.405s

 

Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) DNF

Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) DNF

Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) DNF

Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP16) DNF

Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) DNF

 

1

Jorge LORENZO

Yamaha

SPA

25

2

Andrea DOVIZIOSO

Ducati

ITA

20

3

Marc MARQUEZ

Honda

SPA

16

4

Valentino ROSSI

Yamaha

ITA

13

5

Dani PEDROSA

Honda

SPA

11

6

Maverick VIÑALES

Suzuki

SPA

10

7

Pol ESPARGARO

Yamaha

SPA

9

8

Bradley SMITH

Yamaha

GBR

8

9

Hector BARBERA

Ducati

SPA

7

10

Scott REDDING

Ducati

GBR

6

11

Aleix ESPARGARO

Suzuki

SPA

5

12

Eugene LAVERTY

Ducati

IRL

4

13

Alvaro BAUTISTA

Aprilia

SPA

3

14

Jack MILLER

Honda

AUS

2

15

Tito RABAT

Honda

SPA

1

16

Stefan BRADL

 

GER

 

17

Loris BAZ

 

FRA

 

18

Cal CRUTCHLOW

 

GBR

 

19

Andrea IANNONE

 

ITA

 

20

Yonny HERNANDEZ

 

COL

 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.