MotoGP Le Mans: Rossi: favorito da Michelin? difficile trovare 113 scuse.

Dopo la vittoria di Jerez, a Le Mans Valentino Rossi ha l’opportunità di ripetersi e conquistare quella doppietta che gli manca dal 2009, “ed è passato un po’ di tempo, sarebbe importante riuscirci. Non si può partire pensando di dovere vincere, bisogna prima vedere il proprio livello” riflette. Però il pensiero stupendo rimane, anche per ricucire lo strappo da Marquez e Lorenzo.

“Negli ultimi due anni qui sono sempre stato veloce, anche se non ho mai vinto - ricorda i due secondi posti - Ripeto, vedremo se riuscirò a partire bene come a Jerez. Anche un podio o una bella gara sarebbero importanti”.

Però la vittoria in Spagna è stata particolare, in fuga come non avevi mai fatto…
“E’ bello alla mia età riuscire a fare qualcosa per la prima volta, sotto tutti gli aspetti (ride)”.

Qualcuno ha anche parlato di presunti favoritismi da parte di Michelin…
“I detrattori non sanno più cosa dire, ogni tanto tirano fuori questa storia. Del resto è difficile trovare 113 scuse diverse, e ogni tanto bisogna ripetersi (ride)”.

Flamigni, il tuo telemetrista, ha detto che sei il Valentino più forte di sempre. Sei d’accordo?
“Lo ringrazio! Sto andando forte, più dello scorso anno ed è tutto più bello”.

Anche in qualifica sei più veloce…
“L’anno scorso in prova a volte dovevo limitare i danni mentre ora sono più competitivo. Nelle prime 4 gare sono partito dalla prima fila già 3 volte, mentre nel 2015 avevo dovuto aspettare fino ad Assen per riuscirci”.

Cosa potrebbe andare storto?
“Michelin ha portato tre gomme posteriori, delle quali una ha una carcassa leggermente più morbida, e questo potrebbe cambiare le carte in tavola. Mi sembra le abbiano provate al Mugello e dovrebbero comportarsi meglio. E’ un bene che stiano continuando a lavorare, ma questo pneumatico è un’incognita”.

Poi cosa serve?
“Trovare un buon bilanciamento per la moto, soprattutto per essere efficaci in frenata”.

Chi è l’avversario più pericoloso, Marquez o Lorenzo?
“Li metto sullo stesso livello, anche se Marc è quello che ha più punti, quasi una gara di vantaggio. Dopo l’errore di Austin, posso solo pensare gara per gara. Si vedrà più avanti”.

Pensando al prossimo anno, chi vorresti come compagno di squadra?
“Ne so quanto voi, penso che Movistar voglia uno spagnolo e i più probabili sono Vinales e Pedrosa ma non chiedetemi percentuali. Dani ha già dimostrato il suo potenziale ma è un po’ più vecchio, Maverick è più giovane ma non ha grande esperienza. Ho buoni rapporti con entrambi, non mi cambia molto chi arriverà”.

Fonte: http://www.gpone.com

 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.