MotoGP, Assen: Valentino Rossi: sono stato un somaro.

“Sono stato un somaro, forse anche qualcosa di peggio… ma penso che questa parola sia sufficiente”. L’autoironia non manca a Valentino Rossi, come anche l’onesta di ammettere di avere fatto “un errore evitabile per cui devo chiedere scusa alla squadra”.

Assen sembrava destinata al Dottore, sia con il sole che con la pioggia. Invece è stata una disfatta, peggiorata dal fatto che la caduta è arrivata quando era al comando.

“E’ un grande peccato, avevo una buona possibilità per portare a casa punti pesanti - non nasconde - Sull’asciutto avevo un buon passo, ma anche sul bagnato andavo bene”.

Invece dopo l’interruzione, “giusta, c’era tanto aquaplaning  e non si vedeva nulla”, Valentino è scattato bene e si portato davanti a tutti ma poi ha esagerato.

“Avevo fatto una bella partenza - racconta - Avevo la gomma morbida al posteriore, dava più grip, ma sono stato troppo veloce e ho commesso un errore stupido. Potevo vincere, al secondo giro avevo preso un po’ di vantaggio e volevo continuare a spingere un altro giro, invece ho fatto un errore da principiante”.

Valentino ne descrive la dinamica.

“Con la gomma morbida sono uscito più veloce dalla curva 9 e sono arrivato al punto di frenata della 10 con 4 o 5 chilometri all’ora in più”, e sono bastati per trovarsi a terra.

“E’ uno degli errori più gravi della mia carriera, perché quello di Austin si poteva mettere in conto dopo tante gare - continua - Questo invece è un errore da principiante, dispiace sbagliare quando hai la possibilità di vincere, quando sei davanti con un vantaggio, perché sarebbe bastato solo stare un po’ più attento, andare più piano”.

Inoltre non è riuscito neanche a ripartire.

“La moto si è spenta, ha un sistema di sicurezza per non rovinare il motore - spiega - Poi i commissari di gara non mi hanno aiutato, ma ero in un punto un po’ pericoloso e avevano ragione. Sarebbe comunque cambiato poco, avrei preso pochissimi punti”.

Ora la distanza da Marquez è di 42 lunghezze, quella da Lorenzo di 18.

“Due errori in 8 gare sono troppi, è vero che sono caduto solo due volte ma entrambe in gara - riflette - Inoltre pesa anche la rottura del motore al Mugello. E’ tutto più difficile, anche se non si può mettere la parola fine prima dell’ultima gara”.

Si può ripartire allora dalle certezze.

“Sono veloce e infatti questa era un’occasione buona per recuperare punti a Marc e Jorge. Bisogna continuare così, cercare di essere competitivo ogni GP, magari andando un po’ più lento - ride - Penso che ho il potenziale per fare altre belle gare e togliermi qualche soddisfazione, anche se il Mondiale è compromesso”.

Sperando che questa non diventi la stagione delle occasioni perdute.

“Per me lo è, spero lo diventi anche per qualcun altro”, ride.

Fonte: http://www.gpone.com

Assen RAC:

1. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 22m 17.447s
2. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 22m 19.438s
3. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 22m 23.353s
4. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 22m 27.259s
5. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 22m 35.282s
6. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 22m 36.139s
7. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 22m 40.052s
8. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 22m 41.050s
9. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 22m 43.595s
10. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 22m 45.051s
11. Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 23m 39.277s
12. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 24m 11.816s
13. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) +3 laps
Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) DNF
Michele Pirro ITA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) DNF
Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) DNF
Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) DNF
Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP) DNF
Danilo Petrucci ITA Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) DNF
Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) DNF
Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) DNS

World Championship:

1. Marc Marquez SPA Repsol Honda Team (RC213V) 145 points
2. Jorge Lorenzo SPA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 121 points (-24) 
3. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 103 points (-42) 
4. Dani Pedrosa SPA Repsol Honda Team (RC213V) 86 points (-59) 
5. Maverick Viñales SPA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 79 points (-66) 
6. Pol Espargaro SPA Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 72 points (-73) 
7. Hector Barbera SPA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 58 points (-87) 
8. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 52 points (-93) 
9. Aleix Espargaro SPA Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 49 points (-96) 
10. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 48 points (-97) 
11. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 43 points (-102) 
12. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 37 points (-108) 
13. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 33 points (-112) 
14. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 32 points (-113) 
15. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 32 points (-113) 
16. Alvaro Bautista SPA Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 29 points (-116) 
17. Danilo Petrucci ITA Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 24 points (-121) 
18. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 20 points (-125) 
19. Michele Pirro ITA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 19 points (-126) 
20. Tito Rabat SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 18 points (-127) 
21. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 8 points (-137) 
22. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 3 points (-142) 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.