MotoGP Argentina: Rossi: poco grip e Honda in vantaggio.

Alla fine della giornata, Valentino Rossi è salito su una Yamaha molto particolare. Si tratta di una custom voluta dal locale Governatore con i colori del team MotoGP. Il Dottore ha messo la sua firma sul serbatoio e si è prestato alle foto di rito, forse si è anche chiesto se con quell’enorme gomma posteriore andrebbe meglio della M1 sull’asfalto saponato di Termas de Rio Hondo.

“Quando c’è poco grip va sempre così: le Honda soffrono meno, riescono a gestire il sovrasterzo, mentre noi andiamo in difficoltà. Infatti non sono solo le ufficiali davanti, ma anche quelle di Miller e Crutchlow”, riassume.

Cosa succede?

“Sembra di guidare sull’acqua, si piega meno, non puoi andare fuori traiettoria o rischi di cadere. Bisogna sempre stare attenti e guidare morbidi”.

La pista non è migliorata dal mattino al pomeriggio?

“Meno di quanto pensassi, inoltre il caldo era torrido e rendeva difficile fare tanti giri”.

Vi muoverete con la Safety Commission per i prossimi anni?

“Siamo abituati molto bene in Europa, dove il grip è già all’80, 90% dal primo turno. Questa è una pista poco usata, una soluzione potrebbe essere fare qualche gara nei giorni precedenti al GP per pulirla”.

Anche le gomme influiscono?

“In Qatar eravamo andati molto forte con le Michelin, ma le gomme francesi storicamente erano sempre state competitive a Losail. Qui c’è qualche difficoltà in più, hanno fatto solo un test l’anno scorso con i collaudatori. Alla fine, siamo tutti sulla stessa barca e la scelta è aperta, chi lavorerà meglio sarai avvantaggiato”.

Intanto sei qualificato per la Q2, a differenza di Lorenzo…

“Era uno degli obiettivi importanti di oggi, nel caso domani piova. E’ anche vero che fare le Q1 quest’anno è uno svantaggio meno grande, perché potendo usare sia le gomme dure che le morbide non si hanno problemi di quantità”.

Parlavi del rischio pioggia…

“Sono molto preoccupato di questa eventualità con un asfalto così sporco. La situazione peggiore sarebbe pioggia domani e sole per la gara, bisognerebbe ripartire da zero”.

Fonte: http://www.gpone.com

FP1:

1. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 1m 43.684s [Lap 14/14] 323km/h (Top Speed) 
2. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 43.778s +0.094s [14/16] 314km/h 
3. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 44.027s +0.343s [16/16] 318km/h 
4. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 44.113s +0.429s [17/17] 317km/h 
5. Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 44.128s +0.444s [16/16] 313km/h 
6. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 44.181s +0.497s [13/13] 319km/h 
7. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 44.231s +0.547s [13/14] 315km/h 
8. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 1m 44.244s +0.560s [16/20] 310km/h 
9. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 44.275s +0.591s [16/16] 316km/h 
10. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 1m 44.293s +0.609s [18/19] 319km/h 
11. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 44.455s +0.771s [17/17] 316km/h 
12. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 44.742s +1.058s [12/13] 316km/h 
13. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 45.080s +1.396s [18/18] 310km/h 
14. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 45.294s +1.610s [15/15] 311km/h 
15. Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 45.447s +1.763s [17/17] 309km/h 
16. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 45.519s +1.835s [18/18] 307km/h 
17. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 45.590s +1.906s [18/18] 315km/h 
18. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 1m 45.792s +2.108s [10/17] 326km/h 
19. Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 1m 45.876s +2.192s [22/22] 310km/h 
20. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 1m 46.086s +2.402s [6/11] 310km/h 

FP2:

1. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 41.579s [Lap 15/16] 317km/h (Top Speed) 
2. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 1m 41.604s +0.025s [15/16] 315km/h 
3. Maverick Viñales ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 42.047s +0.468s [11/15] 316km/h 
4. Jack Miller AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V) 1m 42.375s +0.796s [14/17] 313km/h 
5. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 1m 42.451s +0.872s [17/18] 315km/h 
6. Scott Redding GBR Octo Pramac Yakhnich (Desmosedici GP15) 1m 42.458s +0.879s [16/18] 318km/h 
7. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 42.565s +0.986s [18/19] 317km/h 
8. Aleix Espargaro ESP Team Suzuki Ecstar (GSX-RR) 1m 42.576s +0.997s [12/12] 314km/h 
9. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 42.595s +1.016s [17/18] 317km/h 
10. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 1m 42.635s +1.056s [14/18] 323km/h 
11. Hector Barbera ESP Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 42.664s +1.085s [14/16] 319km/h 
12. Eugene Laverty IRL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 42.724s +1.145s [14/14] 318km/h 
13. Pol Espargaro ESP Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 1m 42.774s +1.195s [12/16] 317km/h 
14. Jorge Lorenzo ESP Movistar Yamaha MotoGP (YZR-M1) 1m 42.819s +1.240s [10/14] 318km/h 
15. Andrea Iannone ITA Ducati Team (Desmosedici GP) 1m 42.953s +1.374s [18/19] 325km/h 
16. Loris Baz FRA Avintia Racing (Desmosedici GP14.2) 1m 43.054s +1.475s [17/18] 313km/h 
17. Yonny Hernandez COL Aspar MotoGP Team (Desmosedici GP14.2) 1m 43.242s +1.663s [11/13] 319km/h 
18. Tito Rabat ESP Estrella Galicia 0,0 Marc VDS (RC213V)* 1m 43.538s +1.959s [10/18] 312km/h 
19. Alvaro Bautista ESP Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 43.800s +2.221s [18/18] 311km/h 
20. Stefan Bradl GER Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 43.892s +2.313s [11/17] 308km/h 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.