La GP12 si presenta in diretta mondiale.

Davanti agli occhi di 96mila appassionati collegati attraverso la pagina Facebook di Tim, la Ducati GP12 è stata presentata ufficialmente oggi in diretta mondiale su internet. A presentarla Valerio Staffelli, che ha duettato sul palco prima col presidente Gabriele del Torchio, poi con il direttore tecnico Filippo Preziosi e infine con i due piloti, Valentino Rossi e Nicky Hayden che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di salire per la prima volta sulla D16 con la livrea definitiva.

    Esteticamente identica alla moto che ha debuttato in Malesia, la GP12 si distingue per essere un po’ meno rossa e un po’ più bianca rispetto allo scorso anno, con un larga candida striscia orizzontale sulla carena, che e si assottiglia sul codone e continua sul cupolino, formando il tricolore con le due righe verdi che ne incorniciano il “muso”.

    Le novità più grandi le nascondono comunque le carene, anche se Preziosi ha rivelato due piccoli segreti, oggetto di molte ipotesi negli scorsi mesi. “Posso confermare che l’angolo dei cilindri non è cambiato, rimanendo di 90°, misura caratteristica in tutti i propulsori da gara e stradali di Ducati – ha affermato l’ingegnere – Posso inoltre anche dire che abbiamo scelto di correre con la cilindrata piena, quindi la nostra moto è a tutti gli effetti una 1000”. Inutile rimarcare come tutti si aspettano molto dal nuovo progetto: “ci abbiamo lavorato tantissimo, è stata una grande sfida cercare di fare una moto nuova in così poco tempo – ha continuato – ma i ragazzi l’hanno accolta con entusiasmo. In Malesia abbiamo fatto dei test generali, per sgrezzare la moto e definire componenti e regolazioni, a Jerez, da venerdì e domenica, lasceremo più liberi team e piloti affinché riescano a trovare il set up ottimale per la prima gara in Qatar”. 

Per il copyright su tutto il materiale del sito contattare l'amministratore.